Una selezione di scritti di Fabrizio Clerici è stata curata da Marco Carapezza per il volume:
Fabrizio Clerici, Di profilo. Scritti d’arte 1941-1990, Novecento, Palermo, 1992.

Scritti di Fabrizio Clerici © copyright Archivio Fabrizio Clerici
L’elenco che segue rappersenta l’opera omnia degli scritti dell’artista, dal 1939 al 1993.

[I titoli tra parentesi sono redazionali, mentre i restanti sono quelli scelti dall’artista]

Banco di prova, in “Corrente di Vita Giovanile”, II, 3, 15 febbraio 1939.

Banco di prova, in “Corrente di Vita Giovanile”, II, 5, 15 marzo 1939.

Le sezioni dei pizzi antichi e moderni, in “L’Illustrazione Italiana”, LXVII, 17, 28 aprile 1940.

Stanchezza delle cariatidi, in “Tempo”, IV, 55, 13 giugno 1940.

Progetto per un palazzo sul Canal Grande, in “Lo Stile”, I, 1, gennaio 1941.

Fabrizio Clerici: un progetto [Serra di piante tropicali], in “Aria d’Italia”, primavera 1941.

Acqueforti e disegni di Mino Rossi, in “Lo Stile”, I, 9, settembre 1941.

Bestiario.Una seconda edizione della Chimera, in “Lo Stile”, I, 11, novembre 1941.

Il lunario del sole [Discorso preliminare], calendario del 1942 stampato da Piero Fornasetti, Milano.

Carrieri in Borgospesso [La casa di Raffaele in Borgospesso], in “Lo Stile”, II, 24, dicembre 1942.

Architetture egee, in “Lo Stile”, III, 28, aprile 1943.

Andrea Palladio a Maser, in “Domus”, 194, febbraio 1944.

Paolo Veronese a Maser, in “Domus”, 200, agosto 1944.

Incontro con Leonor Fini, in “Quadrante”, gennaio 1945.

Pomeriggio in casa Rubens, in “Quadrante”, febbraio 1945.

L’occhio di Piranesi, in “Cosmopolita”, marzo 1945.

Allegorie dei sensi di Jan Brueghel, Electa, Firenze, 1946.

Gaetano Zumbo e la morte [Gaetano Zumbo and Death], in “View. ‘Through the Eyes of Poets’”, New York, febbraio 1946.

Architetture per la danza, in “Domus”, 216, dicembre 1946.

The “Hard Stones”, a Dying Art, in “Graphis”, 20, Zürich, 1947.

Hein Heckroth, costumista e scenografo, in “Domus”, 236, V, 1949.

Aldo Buzzi, architetto del Po, in “Domus”, 238, VI, 1949.

Biografia di Fabrizio Clerici fino a 17 anni, manoscritto autografo, anni quaranta.

La Perspectiva pingendi di Tchelitchew, cat. mostra, Galleria L’Obelisco, Roma, 1950.

Un ridotto di teatro per bambini, in “House & Garden”, dicembre 1951.

Entomologia di Fabius von Gugel, cat. mostra, Galleria L’Obelisco, Roma, 1953.

Una casa a Venezia, 5 ottobre 1953, inedito.

Lo spazio dipinto [The Grand Illusion], in “Art News Annual”, XXIII, New York, 1954.

Rosario Murabito, presentazione, Galleria del Cavallino, Venezia, 1956.

Tanti anelli d’una sola catena in Emilia Kuster Rosselli – “Lasciando di sé alto ricordo”, allegato a “Novità”, 92, giugno 1958.

Invenzioni di Fabrizio Clerici per un pranzo, in “Novità”, 123, gennaio 1961.

Scolpire un bosco e vestire le fate, in “Discoteca”, 15 aprile 1961.

Collages di Rosario Murabito, presentazione, Galleria L’Argentario, Trento, 1964.

Le armi e i cavalieri, conferenza, Istituto di Cultura Francese, Smirne, 1969, in Fabrizio Clerici – Di profilo.

Rosario Murabito, Galleria La Nuova Piramide, Lucca, 1972.

Lettera a Patrick Waldberg, 21 luglio 1973, in Fabrizio Clerici – Di profilo.

Jean Cocteau tra Tevere e laguna [Cronache di un incontro], Stamperia della Bezuga, Firenze, 1979.

Lettera apocrifa di Giacomo Casanova, 1981, in Fabrizio Clerici – Di profilo.

Per Andrea Spadini, cat. mostra, Galleria dei Bibliofili, Milano, 1982.

Fabio Ricci Zilèr [pseudonimo di Fabrizio Clerici], Parigi 1615, lettera di Giambattista Marino illustrata da Fabrizio Clerici, in Clerici, cat. mostra, Galleria Civica d’ArteModerna – Palazzo dei Diamanti, Ferrara, Grafis, Bologna, 1983.

Per i vent’anni di Eros [Un Caravaggio in via Ripetta], 1984.

B come Basoli, in Antonio Basoli. Fantasie e studi di cose egizie, cat. mostra, Galleria Antonia Jannone, Milano, 1985.

Intermezzo televisivo [Ingrid senza fine], in “Il Messaggero”, 17 dicembre 1985.

Intermezzo televisivo [Sei ore di dovuto omaggio a Stendhal], in “Il Messaggero”, 18 dicembre 1985.

Intermezzo televisivo [Coi grandi fisici cinque lire a pasto], in “Il Messaggero”, 19 dicembre 1985.

Intermezzo televisivo [Quella vedova così kolossal], in “Il Messaggero”, 20 dicembre 1985.

Intermezzo televisivo [Holden: un bello e il suo tramonto], in “Il Messaggero”, 21 dicembre 1985.

Intermezzo televisivo [Pirandello, quanti ricordi], in “Il Messaggero”, 22 dicembre 1985.

Intermezzo televisivo [Quando la Hepburn si tuffò nel Canal], in “Il Messaggero”, 23 dicembre 1985.

Il Bestiario di Beppe Bongi, in AA.VV., Beppe Bongi, La Raila, Roma, 1985.

Il Bestiario di Beppe Bongi, in “Il Giornale”, 6 aprile 1986.

Frammenti ricomposti, in AA.VV., Tracce, ovvero i misteri dell’arte, Atelier Angelus Novus, Roma, 1986.

Un laboratorio di arcobaleni e meteore [I costumi della bottega Tirelli], in AA.VV., Donazione Tirelli, Mondadori, Milano, 1986.

Aurelio M. Milloss, cat. mostra, Teatro dell’Opera, Roma, 1986.

Toscanini: così l’ho visto, così l’ho disegnato [Quello sguardo assorto e pensoso], in “Il Messaggero”, 11 maggio 1986.

“À rebour” di Gustav Moreau [Viva viva l’incompiuto], in “Il Messaggero”, 14 giugno 1986.

Le impalcature della Sistina [Quel fil di fumo], in “Il Messaggero”, 27 luglio 1986.

Oscar Wilde incontra Bernard Berenson [Al ristorante con Oscar Wilde], in “Il Messaggero”, 17 novembre 1986.

Per “Leviathan” di Julien Green [Parlando d’arte in quel ristorante], in “Il Messaggero”, 31 dicembre 1986.

Dai fogli d’album di Bice Brichetto, cat. mostra, Galleria Il Gabbiano, Roma, 1987.

Per Renato Guttuso, in “L’Unità”, 19 gennaio 1987.

Non confondiamo l’olio con l’acqua, in “Il Messaggero”, 8 marzo 1987.

I legni della Croce [Legno chiodi colore e pennello], in “Il Messaggero”, 27 dicembre 1987.

Poiesis, in Poiesis segno e scrittura, cat. mostra, La Città del Sole, Roma, 1987.

Rendez-vous agli Ambasciatori, in Dolce vita 1926, in “FMR”, 60, aprile, 1988.

Carlo Sacrate, in Carlo Sacrate. Opere 1910-1946, cat. mostra, Nuova Editrice Romana, Roma, 1988.

Il mio incontro con Paolo VI, in AA.VV., Paolo VI et l’art, Paris, 1988.

All’ombra di Nivasio Dolcemare [Clerici ricorda Savinio], in Savinio. Opere 1929-52, Electa, Milano, 1988.

In una tasca di Van Gogh [Quella letteramai recapitata], in “Il Messaggero”, 27 gennaio 1988.

Tra i mostri di New Orleans [Cristo al luna park? No grazie], in “Il Messaggero”, 5 marzo 1988.

Bernini tra le ortiche [Dalle ortiche alla corte], in “Il Messaggero”, 17 aprile 1988.

I costumi della bottega Tirelli, in “Il Messaggero”, 30 maggio 1988.

Gaetano Zumbo e la morte, in “Nuove Effemeridi”, II, 8, 1989.

Promenade des chimères, in “Galleria”, XXVIII, 2, maggio- agosto 1988.

Un convento a Chio [Massacro a colori], in “Il Messaggero”, 13 agosto 1988.

Metamorfosi de la Ville Lumière [Parigi val bene una ruspa], in “Il Messaggero”, 23 settembre 1988.

Più vero del vero [QuandoGildo copiava], in “Il Messaggero”, 9 novembre 1988.

No exit, in L’occhio di Horus. Itinerari nell’immaginario matematico, cat.mostra, a cura di Michele Emmer, Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani, Roma, 1989.

Tra i labirinti di Roberto Stelluti, cat.mostra, Galleria L’Incontro, Ancona, 1989.

Tre incontri con Salvador Dalí [Al ballo in camicia da notte], in “Il Giornale”, 24 gennaio 1989.

Tre incontri con Salvador Dalí [Lo scandalo di essere un genio], in “Il Messaggero”, 24 gennaio 1989.

Le chiavi del manierismo di Gustav René Hocke, in “Il Messaggero”, 20 febbraio 1989.

L’occhio che sogna, in “IlMessaggero”, 6 marzo 1989.

Rendez-vous agli “Ambasciatori”, Franco Maria Ricci, Milano, giugno 1989.

Retour en Egypte [Al bazar con il dandy], in “Il Messaggero”, 5 giugno 1989.

Retour en Egypte [Dov’è l’antica polvere?], in “Il Messaggero”, 6 giugno 1989.

Retour en Egypte [Auree colline d’Africa], in “Il Messaggero”, 22 giugno 1989.

Retour en Egypte [Le dune di marmo], in “Il Messaggero”, 29 giugno 1989.

La carriera di Vivant Denon [Il Louvre in un bicchiere], in “Il Messaggero”, 30 ottobre 1989.

Gli obelischi di Athanasius Kircher [La gloria in una pietra], in “IlMessaggero”, 18 dicembre 1989.

Füssli, penna e pennello [Tenera è la parola, diabolico il pennello], in “Il Messaggero”, 22 gennaio 1990.

L’eremo, l’abate e il diavolo [Gli occhiali del diavolo], in “Il Messaggero”, 14 febbraio 1990; poi in “Nuove Effemeridi”, III, 9, 1990.

Champollion: l’ultimo egiziano [Gloria per uno, geroglifici per due], in “Il Messaggero”, 17 marzo 1990.

Passeggiate tra le crete senesi, in “Casa Vogue Antique”, 8, maggio 1990.

Metamorfosi del golfo, in “Il Messaggero”, 26 giugno 1990.

A novanta metri per fuggire il mondo, in “Il Messaggero”, 11 luglio 1990.

Promenade des chimères, in Della fisonomia dell’uomo di Gio. Battista Della Porta, I Cento Amici del Libro, Milano, 1990.

Beckford dimenticato, 1990, parzialmente pubblicato in A novanta metri per fuggire il mondo, in “Il Messaggero”, 11 luglio 1990; integrale in Fabrizio Clerici – Di profilo.

Trovarsi con Gino Magnani, 1990, in Fabrizio Clerici – Di profilo.

Un pensiero su Venezia anni 90, in “Quaderni”, 5, settembre 1990.

Yannis Souliotis, Kouros, introduzione, Il Laboratorio / Le Edizioni, Nola, 1991.

I disegni di figura nell’archivio storico dell’Accademia di San Luca, Quasar, Roma, 1991.

Sofferenza & insofferenza, in Luigi Vaccari, Di nevrosi si vive, Camunia, Milano, 1991.

Arturo Martini. Gli anni di Anticoli Corrado, presentazione, in cat. mostra, Civico Museo d’ArteModerna, Articoli Corrado, Quasar, Roma, 1991.

Lo stile Fornasetti, in “Quaderni”, 10, gennaio 1992.

Clerici trifft Signorelli, in “Merian”, aprile 1992.

Una sedia mi aspetta [La bella e la bestia abitano qui], in “Il Messaggero”, 1 febbraio 1993.

Federico Zuccari e il suo palazzo [Il palazzo del “Piacere”], in “Il Messaggero”, 24 febbraio 1993.

I Vanvitelli e l’Accademia di San Luca [Architetti della perfezione], in “Il Messaggero”, 27 aprile 1993.

I Vanvitelli, in L’esercizio del disegno. I Vanvitelli, cat. mostra, Leonardo Arte, Milano, 1993.