Il regista Roberto Andò cita Fabrizio Clerici nel Die Zauberflöte
Scene dallo spettacolo Die Zauberflöte (Il flauto magico) di Mozart con la regia di Roberto Andò andato in scena al Teatro Regio di Torino (dal 10 al 21 gennaio 2014) e ora al Teatro Massimo di Palermo (dal 21 al 27 ottobre 2015) con parte della scenografia ispirata alla serie dei quadri egizi di Fabrizio Clerici.

12115566-1007815755905735-294768828215169459-n_881-1Foto di Franco Lannino |  Teatro Massimo, Palermo
Alberto Ramella:SYNC-Foto Alberto Ramella/SYNC Teatro Regio, Torino
Alberto Ramella:SYNCFoto Alberto Ramella/SYNC Teatro Regio, Torino
Zauberflote-FOTO-Scalia-©-Lannino-1024x664Foto di Franco Lannino | Teatro Massimo, Palermo
© Fabrizio Clerici by Archivio Fabrizio Clerici – www.archiviofabrizioclerici.com

© Fabrizio Clerici by Archivio Fabrizio Clerici

Fabrizio Clerici
Le lever du roi, 1971
Olio su tela, 60 x 70 cm

© Fabrizio Clerici by Archivio Fabrizio Clerici – www.archiviofabrizioclerici

© Fabrizio Clerici by Archivio Fabrizio Clerici 

Fabrizio Clerici
Lo specchio, 1970
Olio su tela 73,5 x 105 cm

© Fabrizio Clerici by Archivio Fabrizio Clerici – www.archiviofabrizioclerici.com

© Fabrizio Clerici by Archivio Fabrizio Clerici 

Fabrizio Clerici
Lo sguardo verso oriente, 1977
Olio su tavola, 100 x 150 cm

Die Zauberflöte (Il flauto magico)

Dal 21 al 27 ottobre 2015
Durata spettacolo: 180 minuti

Teatro Massimo, Palermo
Sala Grande

Musica di Wolfgang Amadeus Mozart
Libretto di Emanuel Schikaneder
Direttore: Gabriele Ferro
Regia: Roberto Andò
Scene e luci: Gianni Carluccio
Costumi: Nanà Cecchi
Assistente alla regia: Riccardino Massa
Assistente alle scene: Sebastiana Di Gesu

Maestro del coro: Piero Monti
Maestro del coro di voci bianche: Salvatore Punturo
Allestimento del Teatro Massimo e del Teatro Regio di Torino

Allestimento del Teatro Massimo e del Teatro Regio di Torino
Torna a Palermo Die Zauberflöte di Mozart, in un allestimento nato proprio al Massimo e riproposto con grande successo alcuni mesi fa al Regio di Torino e al Lirico di Cagliari, firmato dal regista palermitano Roberto Andò: uno spettacolo apprezzato per la piacevole levità e l’impianto fiabesco, abile nel riprodurre, seppur in maniera non didascalica, l’atmosfera dell’Egitto immaginario in cui la vicenda è ambientata, fatta di magie, riti di iniziazione, avventure in perfetto equilibrio tra natura e cultura.
Sinossi
Tamino, giovane principe, è inseguito da un feroce e gigantesco serpente: sviene per la paura, ma viene salvato da tre misteriose Dame. Al suo risveglio Tamino vede il serpente morto e accanto a lui Papageno, mezzo uomo e mezzo uccello, che si vanta di essere stato lui a salvarlo. Appaiono di nuovo le tre Dame, puniscono Papageno con un lucchetto che gli chiude la bocca e annunciano a Tamino l’arrivo della Regina della Notte. La Regina della Notte chiede aiuto al principe per salvare sua figlia Pamina, prigioniera di Sarastro: per compiere l’impresa Tamino avrà un flauto magico, e l’aiuto di Papageno, munito a sua volta di campanellini magici.
Nel dominio di Sarastro, Papageno ritrova Pamina e tenta di fuggire con lei, ma viene catturato da Monostatos e portato in presenza di Sarastro, dove viene condotto, prigioniero, anche Tamino. Sarastro regna sul tempio della Sapienza, e propone a Tamino di superare delle prove per conquistare la mano di Pamina: la prima di queste sarà la prova del silenzio. Pamina, insidiata da Monostatos e istigata dalla madre a uccidere Sarastro, cerca conforto dal suo amato, che però non le risponde. Disperata, la fanciulla medita il suicidio, ma viene salvata da tre bambini che le rivelano che Tamino la ama: Pamina affronterà le prove dell’acqua e del fuoco insieme a lui.
Anche Papageno è disperato, perché non ha una Papagena tutta per lui: ma suonando i campanellini magici, gli appare una ragazza esattamente simile a lui.
Tamino e Pamina hanno superato tutte le prove grazie al loro amore e al flauto magico, la Regina della Notte è sconfitta e Sarastro proclama la vittoria del Sole e della Sapienza.

Cast

Sarastro Andrea Mastroni (21, 23, 25, 27)
Antonio Di Matteo (22, 24)

Tamino Paolo Fanale (21, 23, 25, 27)
Fabrizio Paesano (22, 24)

Königin der Nacht Cornelia Goetz (21, 23, 25, 27)
Marie-Pierre Roy (22, 24)

Pamina Laura Giordano (21, 23, 25, 27)
Ekaterina Bakanova (22, 24)

Drei Damen Anna Schoeck, Christine Knorren, Annette Jahns
Papageno Markus Werba (21, 23, 25, 27)
Riccardo Novaro (22, 24)

Papagena Laura Catrani
Monostatos Alexander Krawetz
Drei Knaben Emanuela Ciminna, Federica Quattrocchi, Riccardo Romeo, Giorgia Piazza, Fabio Filippone, Valeria Giordano
Sprecher / Erster Priester Roberto Abbondanza
Zweiter Priester / Erster geharnischter Mann Cristiano Olivieri
Zweiter geharnischter Mann Victor Garcia Sierra

Orchestra, Coro e Coro di voci bianche del Teatro Massimo